Studiare in Italia

IL VERNACOLO PISANO. Se vieni a Pisa per seguire uno dei nostri corsi di lingua italiana, camminando per le vie della città ti capiterà di sentir parlare il pittoresco e vivace vernacolo pisano.
Il vernacolo pisano è un’importante caratteristica del folclore della città che diverte spesso i turisti. Non è un dialetto perché non si allontana molto dalla lingua italiana e si limita per lo più a qualche cambiamento nei suoni, nelle forme verbali e nel lessico.

CARATTERISTICHE DEL VERNACOLO. Ecco alcune caratteristiche del vernacolo pisano:

  • la “c” scompare quando è tra due vocali: ad esempio “amico” diventa “amio”, oppure “miracolo” diventa “miraolo”;
  • la “l” può mutarsi in “r” e viceversa: ad esempio “molte cose” diventa “morte ‘ose”, oppure “repubblica” diventa “repubbria”;
  • la “o” può diventare “u”: ad esempio “nun” invece di “non”;
  • i verbi all’infinito sono abbreviati: ad esempio “sognare” diventa “sogna'”, oppure “dormire” diventa “dormi'”;
  • anche altre parole vengono abbreviate: ad esempio “mia madre” diventa “mi ma'”;
  • l’articolo “il” diventa “ir” davanti a consonante: ir cane;
  • forme verbali come leggono, vivono, dormono diventano leggano, vivano, dormano;
  • qualche verbo può alterarsi: “andiamo” diventa “gnamo”.
A sinistra un ritratto di Renato Fucini. A destra una targa a lui dedicata in via Giordano Bruno, a Pisa
A sinistra un ritratto di Renato Fucini. A destra una targa a lui dedicata in via Giordano Bruno, a Pisa

LA POESIA VERNACOLARE. Sono molti i poeti e i letterati che nel tempo hanno usato il vernacolo pisano nelle loro opere, a cominciare dal celebre poeta toscano Renato Fucini. Tra il 1870 e il 1879, Fucini scrisse ben 150 sonetti in questa lingua così caratteristica, risultando tanto ironico quanto sentimentale nel ritrarre la sua amata Pisa. Sulla Luminara ad esempio scrisse: «Chi nun (non) l’ha vista, ‘reda (creda), un (non) lo por (può) crede».

Dopo il Fucini molti altri, incoraggiati dal suo successo, scrissero poesie e dialoghi in vernacolo pisano, e alcuni acquistarono una certa fama parlando di Pisa, dei suoi monumenti, delle sue usanze, dei suoi problemi, con uno stile ironico ma anche romantico.

NON SOLO ARTE. Una bellissima città e una lingua divertente e sentimentale: cosa aspetti a venire a Pisa? Non ti abbiamo ancora convinto? Allora ti rispondiamo alla maniera di un altro poeta pisano, Archimede Bellatalla, che in «Guida di Pisa», una raccolta di una cinquantina di sonetti, scrisse: «Come? Te a Pisa ‘un ci se’ ma’ venuto? E ti stimi un ragazzo ‘ntelligente?…». Scherzi a parte, Pisa ti conquisterà non solo per i suoi monumenti, per le sue piazze e i suoi lungarni, ma anche per l’originalità e la simpatia dei suoi abitanti.

Se volete seguire una piccola lezione di vernacolo pisano guardate questa nostra videolezione in cui, con la nostra amica Heidi Li, spieghiamo e cantiamo una tipica canzone vernacolare toscana: il Trescone

[youtube id=”r8K67RnUpKo” align=”center” mode=”normal” autoplay=”no” maxwidth=”550″ grow=”yes”]

CONDIVIDERE SU

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Iscriviti al canale!

Testimonial

testimonial
Leggi l'esperienza dei nostri studenti con noi.

Facebook